Estate
Inverno

Una perla medievale: Castel Rodengo

Una perla medievale: Castel Rodengo

Si erge orgoglioso tra i paesi di Sciaves e Rio di Pusteria, dominando la gola del fiume Rienza: è Castel Rodengo, una delle roccaforti più grandi dell’Alto Adige. Fu fatto costruire nel 1140 da Friedrich I von Rodank, e nel corso del XVI secolo fu acquisito dalla famiglia di Oswald von Wolkenstein, un famoso poeta e compositore tedesco, che lo fece ristrutturare e ampliare. Il castello è tuttora di proprietà dei loro discendenti. Alcune delle sale sono state allestite a museo, e vi si possono ammirare numerosi pezzi di arredo tardo-rinascimentali.

1
Gli affreschi del ciclo di Iwein

Il più antico esempio conosciuto di arte murale profana dell’area di lingua tedesca.

2
La buca di Masticabrodo

La segreta in cui fu imprigionato Matthias Perger, accusato di stregoneria.

3
Il castello

Castel Rodengo è la residenza privata dei discendenti di Oswald von Wolkenstein, poeta e compositore tedesco.

Cosa vi aspetta?

Tra le varie attrazioni di Castel Rodengo, la più famosa sono senza dubbio gli affreschi del ciclo di Iwein, risalenti all’inizio del XIII secolo. Ispirati al ciclo arturiano del romanziere tedesco Hartmann von Aue, questi affreschi furono scoperti solo nel 1972, e si trattò di una scoperta sensazionale, in quanto rappresentano il più antico esempio di pittura murale profana di tutta l’area di lingua tedesca.

Un’altra attrazione del castello, meno artistica ma decisamente non meno profana, è la buca di Masticabrodo. Si tratta della segreta in cui nel XVII secolo fu imprigionato Matthias Perger, un inquietante personaggio locale accusato di stregoneria e in seguito condannato al rogo. Il curioso appellativo di Masticabrodo deriverebbe dalla predilezione di Perger per i cibi liquidi.

 

 

 

 

Continua a leggere

Molto interessanti sono anche la cappella di San Michele, l’antica cucina, l’armeria e il pozzo a carrucola. Le visite guidate, della durata di circa un’ora, si tengono tutti i giorni tranne il sabato alle 11.30 e alle 14.30. Nei mesi di luglio e agosto viene offerta una terza visita guidata alle 16.00. A proposito: con la Almencard PLUS l’ingresso a Castel Rodengo è gratuito.

Avviso: a partire dal 17.10.2022 il castello resterà chiuso per la stagione invernale!

Continua a leggere

Come arrivarci?

Castel Rodengo sorge a breve distanza dalla statale della Val Pusteria, per la precisione tra le località di Sciaves e Rio di Pusteria, ed è quindi facilmente raggiungibile in auto. Potete usare il parcheggio davanti alla chiesa parrocchiale di Maria Assunta a Villa/Rodengo, che dista solo pochi minuti a piedi dal castello.

Alla scoperta di Castel Rodengo
Alla scoperta di Castel Rodengo
Alla scoperta di Castel Rodengo
Alla scoperta di Castel Rodengo
Alla scoperta di Castel Rodengo
Alla scoperta di Castel Rodengo
Alla scoperta di Castel Rodengo
Alla scoperta di Castel Rodengo
Alla scoperta di Castel Rodengo
Alla scoperta di Castel Rodengo
Alla scoperta di Castel Rodengo
Il sentiero Dolorama
Per la gioia di occhi, cuore e palato
Alla scoperta di Castel Rodengo
Parapendio in Alto Adige
Le vette da una nuova prospettiva
Alla scoperta di Castel Rodengo
Alla scoperta di Castel Rodengo
L’Alpe di Rodengo e Luson
Orizzonti di libertà
Alla scoperta di Castel Rodengo
Castel Rodengo
Alla scoperta del passato tra mura possenti
Alla scoperta di Castel Rodengo
Il Sentiero della Creazione
Un’esperienza piacevole e contemplativa
Alla scoperta di Castel Rodengo
La pista da fondo sull’Alpe di Rodengo e Luson
Facile, piacevole e altamente panoramica